Gabbiani ladri di cibo? Perché preferiscono quello toccato dagli umani

Lo afferma una ricerca condotta dagli studiosi dell'università britannica di Exeter. Questo spiegherebbe in parte anche la loro maggiore presenza nelle zone urbane

Per molti sono animali belli ed eleganti, che rendono poetico il lungomare. Per tanti altri sono un flagello, un rischio e un fastidio. I gabbiani non sono amati da tutti, specialmente dai turisti di alcune località, che sono le vittime di furti di patatine e ogni tipo di cibo dalle loro mani. E adesso a quanto pare gli scienziati hanno anche scoperto il perché: questi uccelli preferirebbero il mangiare quando è stato toccato da un umano.

Lo studio

Ad affermarlo i risultati di uno studio condotto dai ricercatori britannici dell'Università di Exeter e pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science, che sottolinea che la cattiva gestione dei rifiuti urbani potrebbe rafforzare questa abitudine dei gabbiani, aumentandone la presenza nelle aree urbane e stravolgendo la loro alimentazione. "Sebbene i gabbiani siano comuni in molte città, sappiamo ancora poco del loro comportamento nell'ambiente urbano", spiega la coordinatrice dello studio Madeleine Goumas. "Abbiamo quindi pensato di indagare se sono semplicemente attratti dalla vista del cibo o se le azioni delle persone possono in qualche modo attirare la loro attenzione su oggetti specifici".

L'esperimento

Per scoprirlo, la ricercatrice ha avvicinato singoli gabbiani incontrati per strada in due città della Cornovaglia e ha posto davanti a loro due secchielli che nascondevano dei dolcetti incartati. Dopo aver rimosso i contenitori, ha tenuto in mano per 20 secondi uno dei due dolci e poi lo ha ributtato per terra vicino all'altro, per poi allontanarsi. Dei 38 gabbiani messi alla prova, 24 hanno beccato uno dei due dolci e 19 di loro, ben il 79%, ha scelto proprio quello che era stato tenuto in mano. L'esperimento è stato ripetuto usando delle spugne al posto dei dolci, ma in questo caso i gabbiani hanno beccato con la stessa probabilità i due oggetti, dimostrando di osservare il comportamento umano solo quando in gioco c'è del cibo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presneza in città in aumento

I volatili al centro dello studio sono gabbiani reali nordici, 'parenti' dei gabbiani reali del Mediterraneo "che ormai nidificano anche a Roma e Venezia", spiega Andrea Galimberti, zoologo dell'Università di Milano-Bicocca. "La loro presenza è aumentata negli ultimi 20 anni perché in città trovano una fonte inesauribile di cibo, l'assenza di competitori e la protezione dai predatori garantita dalla presenza dell'uomo”. Galimberti aggiunge che i gabbiani “sono uccelli intelligenti in grado di apprendere nuove tecniche di foraggiamento per poi tramandarle da una generazione all'altra”, e per questo “per scoraggiare la loro presenza, è cruciale educare i cittadini a non lasciare resti di cibo a terra e soprattutto migliorare la gestione dei rifiuti urbani, in modo che non restino in strada per giorni e giorni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento