Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

L'iniziativa in Belgio per sostenere cafè e birrerie colpiti dal lockdown in corso in tutto il Paese per via dell'emergenza Covid-19

Il famoso Delirium Café a Bruxelles

Paghi la birra ora, la berrai alla riapertura del locale. Anche per festeggiare la fine della pandemia. E' l'iniziativa lanciata in Belgio dal birrificio Alken-Maes, che ha creato una piattaforma online, Café Solidair, per sostenere pub, cafè e birrerie colpite duramente dal lockdown in corso.

Secondo quanto riporta il sito 31mag, che a sua volta cita il settimanale fiammingo Knack, l’idea è che gli avventori possano già da ora prenotare giri di bevute per quando i locali riapriranno. La data prevista dal governo per la fine del lockdown è il 5 aprile, ma la ministra per la Salute ha annunciato che potrebbe durare fino a metà maggio. Da qui, la necessità di salvaguardare un pezzo forte non solo dell'economia belga, ma anche della sua cultura: la birra e i locali dove consumarla. 

Partendo dal concetto di “pay-it-forward”, il birrificio Alken-Maes ha pensato di poter sensibilizzare i frequentatori di locali sulla sorte delle attività dove trascorrono del tempo libero e allo stesso tempo di far entrare, da subito, del denaro nelle casse dei locali, chiusi da oltre una settimana. Jan Bosselaers, direttore marketing di Alken-Maes, spiega a Knack: “Una volta che il pagamento è stato confermato, l’importo viene trasferito al gestore del pub. Come consumatore riceverai un buono che potrai utilizzare alla riapertura del bar per bere le tue birre sul posto. Puoi anche scegliere di effettuare una donazione al tuo bar preferito. Attualmente puntiamo a coinvolgere 4.000/5.000 locali”, conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • Il Covid-19 fa dimenticare l'altra grande pandemia mondiale: la peste suina

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento