Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

L'iniziativa in Belgio per sostenere cafè e birrerie colpiti dal lockdown in corso in tutto il Paese per via dell'emergenza Covid-19

Il famoso Delirium Café a Bruxelles

Paghi la birra ora, la berrai alla riapertura del locale. Anche per festeggiare la fine della pandemia. E' l'iniziativa lanciata in Belgio dal birrificio Alken-Maes, che ha creato una piattaforma online, Café Solidair, per sostenere pub, cafè e birrerie colpite duramente dal lockdown in corso.

Secondo quanto riporta il sito 31mag, che a sua volta cita il settimanale fiammingo Knack, l’idea è che gli avventori possano già da ora prenotare giri di bevute per quando i locali riapriranno. La data prevista dal governo per la fine del lockdown è il 5 aprile, ma la ministra per la Salute ha annunciato che potrebbe durare fino a metà maggio. Da qui, la necessità di salvaguardare un pezzo forte non solo dell'economia belga, ma anche della sua cultura: la birra e i locali dove consumarla. 

Partendo dal concetto di “pay-it-forward”, il birrificio Alken-Maes ha pensato di poter sensibilizzare i frequentatori di locali sulla sorte delle attività dove trascorrono del tempo libero e allo stesso tempo di far entrare, da subito, del denaro nelle casse dei locali, chiusi da oltre una settimana. Jan Bosselaers, direttore marketing di Alken-Maes, spiega a Knack: “Una volta che il pagamento è stato confermato, l’importo viene trasferito al gestore del pub. Come consumatore riceverai un buono che potrai utilizzare alla riapertura del bar per bere le tue birre sul posto. Puoi anche scegliere di effettuare una donazione al tuo bar preferito. Attualmente puntiamo a coinvolgere 4.000/5.000 locali”, conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

  • Coronavirus, Ue crea le 'corsie verdi' e agricoltori italiani esultano: "Salvi 4 miliardi"

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento