Acidi grassi trans: cosa sono e perché fanno male

I Tfa sono sostanze presenti in molti alimenti venduti e consumati ogni giorno. Sono ottenuti da ruminanti e negli oli vegetali parzialmente idrogenati prodotti industrialmente

Il Parlamento europeo ha lanciato la guerra agli acidi grassi trans, chiedendo alla Commissione di definire misure comuni contro sostanze ritenute nocive per la salute. Ma cosa sono queste sostanze? Gli acidi grassi trans (Tfa) sono sostanze presenti in molti alimenti venduti e consumati ogni giorno. Si tratta di grassi insaturi ottenuti da ruminanti e negli oli vegetali parzialmente idrogenati prodotti industrialmente.

Quali rischi per la salute

E’ soprattutto attraverso il consumo di oli che si assumono questi grassi, considerati fattori di aumento del rischio di alattie cardiovascolari, infertilità, morbo di Alzheimer, diabete e obesità. Ma nello specifico ci sono almeno sei tipi di prodotti alimentari contenenti alta concentrazione di Tfa: i grassi fritti per uso industriale, la margarina utilizzata in pasticceria, i prodotti da forno preconfezionati, torte, biscotti e wafer, i popcorn per microonde, i cibi fritti, le zuppe e le salse.

Chi sono i soggetti più a rischio

I Tfa tendono ad essere utilizzati soprattutto negli alimenti meno costosi. Di conseguenza le persone con uno status socio-economico più basso diventano più esposte ai rischi legati ai grassi trans, con l’eventualità di ampliare le disuguaglianze sanitarie. Inoltre è convizione dei deputati europei che “i  gruppi di persone vulnerabili e i bambini sono più inclini ad assumere alimenti con un contenuto più elevato di Tfa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa hanno fatto finora i paesi Ue

A livello Ue solo la Danimarca ha imposto un limite alla presenza dei Tfa negli alimenti (2%). Sulla scia dell’esempio danese del 2003,  tetti nazionali sono stati introdotti in Austria (2009), Ungheria (2013) e Lettonia (2015). Misure volontarie per ridurre il contenuto di TFA sono in atto in Belgio, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito e Grecia, ma manca uniformità europea. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento