Pesce pieno di mercurio? Falso, mercato colpito solo in minima parte dai sequestri

Solo 59 irregolarità riscontrate per presenza di metalli pesanti su oltre 11mila prodotti e l'istituto superiore d sanità rassicura sulla rigidità dei controlli

Una paura infondata se si guardano i dati. Il pesce in commercio nei mercati ittici italiani viene monitorato per evitare che il contenuto di metalli pesanti non superi i limiti imposti dalle norme di sicurezza alimentare. Dalle analisi compiute su 11.178 prodotti ittici e molluschi solo 59 sono risultati irregolari per la presenza di una quantità eccessiva di metalli pesanti, che ne ha comportato il ritiro dal mercato. È quanto emerge dal rapporto del 2014 sulla vigilanza e controllo degli alimenti e delle bevande in Italia: numeri rassicuranti se paragonati alla paura che negli ultimi anni ha convinto molti consumatori ad evitare i mercati dei pesce. 

Gli esperti dell’Istituto superiore di sanità rassicurano sulla rigidità dei controlli focalizzati sul rispetto dei limiti di mercurio negli alimenti, stabiliti dal regolamento europeo 1881/2006, consci che “alte concentrazioni di mercurio nell’organismo”, scrivono i medici dell’Iss,  “possono risultare tossiche per il sistema nervoso dei bambini e durante l'età fetale” e alti rischi si riscontrano anche tra le donne in età fertile, incinte e durante l’allattamento.  I medici ricordano poi l'autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) consiglia di consumare pesce almeno due o tre volte a settimana, variandone le specie al fine di limitare il consumo di quelle che potrebbero avere un maggiore contenuto di metilmercurio, come i grossi predatori: squali, pesce spada, luccio, tonno e nasello. Trovandosi all’apice della catena alimentare marina, questi pesci sono più soggetti all’inquinamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma gli esperti ci tengono a precisare che “il controllo dei prodotti ittici all'importazione viene effettuato presso i Posti di ispezione frontaliera del ministero della Salute”, mentre per quanto concerne gli scambi tra Paesi membri dell’Ue “gli uffici del ministero dispongono l'esecuzione del controllo a destino da parte delle Aziende Sanitarie Locali-ASL”.  Grazie ai controlli effettuati, i consumatori non devono dunque rinunciare al pesce che “in virtù delle sue proprietà nutritive, è svantaggioso e esagerato eliminarlo totalmente dalla propria dieta”, osserva l’Istituto.  “Il pesce”, ricordano gli esperti, “è ricco di proteine facilmente digeribili ed è, inoltre, fonte di vitamine del gruppo B, D e A e di acidi grassi omega 3 con benefici effetti sul cuore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento