Il 'dono' Ue per il rientro in classe: frutta, verdura e latte per gli studenti

In molti Paesi europei si è già tornati sui banchi. E con l'inizio del nuovo anno scolastico, riparte il programma della Commissione per promuovere un'alimentazione sana e una dieta equilibrata tra i più piccoli. L'Italia tra i maggiori beneficiari

Ben 250 milioni di euro per portare frutta, verdure e latte a oltre 20 milioni di studenti in tutta l'Unione europea. Con l'inizio di un nuovo anno scolastico, riparte il programma dell'Ue che mira a promuovere un'alimentazione sana e una dieta equilibrata attraverso la distribuzione dei prodotti del territorio, proponendo al contempo progetti educativi sull'agricoltura e la buona alimentazione.

L'Italia risulta tra i maggiori beneficiari del programma con ben 30 milioni di euro complessivi. “È importante adottare sane abitudini alimentari fin dalla tenera età. Grazie al programma scolastico dell'Ue, i nostri giovani cittadini non solo apprezzeranno i prodotti europei di qualità, ma impareranno anche a conoscere alimentazione, agricoltura, produzione alimentare e il duro lavoro che ne deriva", dice il commissario europeo all'Agricoltura Phil Hogan.

Per il periodo 2019-2020, 145 milioni di euro sono stati stanziati per frutta e verdura e 105 milioni di euro per latte e altri prodotti lattiero-caseari. Sebbene la partecipazione al regime sia volontaria, tutti gli Stati membri dell'Ue hanno scelto di partecipare, per una sezione o per tutto il regime. Le assegnazioni nazionali per i Paesi Ue che partecipano al programma per questo anno scolastico sono state approvate e adottate dalla Commissione europea nel marzo 2019. I Paesi possono anche integrare gli aiuti dell'Ue con fondi nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento