Coronavirus, Ue proroga scadenza pagamenti diretti per gli agricoltori in Italia

Il limite per la presentazione delle domande è stato spostato al 15 giugno. In ballo 6 miliardi di sussidi che ogni anno Bruxelles destina al settore

La Commissione europea prorogherà di un mese la scadenza per la presentazione delle domande di sostegno al reddito per gli agricoltori italiani. Su richiesta del governo, Bruxelles ha spostato al 15 giugno il termine ultimo per ottenere i pagamenti diretti, che ogni anno in Italia ammontano a circa 6 miliardi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le somme derivano dalla Pac, la Politica agricola comune dell'Ue. Ogni anno, gli agricoltori europei presentano le loro domande per ricevere un sostegno al reddito dalla Pac, nell'ambito del cosiddetto primo pilastro. Le amministrazioni nazionali elaborano quindi i fascicoli e procedono, dopo i necessari controlli, al pagamento di questo aiuto che viene poi rimborsato dalla Commissione con il bilancio europeo. La proroga, spiega la Commissione, "offrirà agli agricoltori una maggiore flessibilità nel compilare i propri fascicoli durante questo periodo difficile e senza precedenti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

  • "Allevamenti intensivi, vulnerabili alle pandemie e colpevoli di crearle"

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento