"Stop al commercio illegale di cani e gatti nell'Ue, favorire le adozioni"

L'Eurocamera chiede una stretta al traffico di animali domestici attraverso un sistema comunitario obbligatorio per la registrazione, certificazione più rigida degli allevamenti e sanzioni maggiori per chi viola le norme

Un'operazione della polizia contro il traffico illegale di cani

Un sistema obbligatorio Ue  per la registrazione di cani e gatti, sanzioni più severe per il commercio illegale e misure per favorire l’adozione all'acquisto degli animali domestici. Sono i punti centrali di una risoluzione approvata dal Parlamento europeo a Strasburgo per contrastare un fenomeno sempre più preoccupante, quello del traffico criminale legato ai cosiddetti animali da compagnia. 

Si stima infatti che ogni anno nell'Ue vengano venduti almeno 500mila cani, "la maggior parte dei quali non è registrata", scrive il Parlamento europeo. "Una parte degli allevatori commerciali - aggiunge - sta inoltre abusando della legislazione Ue sui movimenti a carattere non commerciale degli animali da compagnia". Il commercio illegale, prosegue, "causa sofferenze per gli animali, diffusione di malattie, e genera introiti elevati per la criminalità organizzata internazionale". Ecco perché Strasburgo chiede alla Commissione europea un piano d'azione per far fronte a questo fenomeno. 

Secondo la risoluzione, votata a larghissima maggioranza (3 contrari e 19 sostenuti su circa 700 deputati), l'Ue deve introdurre un sistema comunitario obbligatorio per la registrazione di cani e gatti, una definizione Ue degli impianti di allevamento commerciale su larga scala, noti come ‘fabbriche per cuccioli’, una migliore applicazione della normativa esistente e sanzioni più severe. Inoltre, servono misure per incoraggiare le persone ad adottare, piuttosto che acquistare, animali domestici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • “Pagare gli agricoltori per proteggere l’ambiente”, la proposta dei giovani di Fridays for Future

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento